Un secondo cuore addominale tutto Politecnico

C’è una firma del Dipartimento di Bioingegneria e del gruppo di ricerca guidato dal nostro Andrea Aliverti dietro questa importante innovazione segnalata anche su Il Corriere del 16 novembre

Il nuovo sistema, chiamato “Expulsive Maneuvre Cardio-Pulmonary Resuscitation”, entra in gioco nella rianimazione cardio-polmonare: con degli studi appena pubblicati sul Journal of Applied Physiology, i ricercatori hanno dimostrato come la contrazione simultanea di diaframma e muscoli addominali consenta di spostare dall’addome alle estremità fino a un litro di sangue. La manovra, detta espulsiva, si può indurre stimolando magneticamente il diaframma e i muscoli addominali mantenendo aperta la bocca. In particolare, spiegano i ricercatori, «se questa viene ripetuta 20 volte al minuto con una precisa alternanza tra contrazione e rilasciamento, si può generare un flusso di sangue pari alla gittata cardiaca a riposo, funzionando come un “secondo cuore addominale”». Con questo sistema, inoltre, «si può ventilare il polmone del paziente senza ricorrere a un ventilatore meccanico o alla respirazione bocca a bocca». Attualmente è in corso la prima fase di sperimentazione per testare l’efficacia e ottimizzare le successive fasi di prototipazione.

Il Politecnico allo Science Museum of London

Nella foto: Sara Mantero e Adelaide Asnaghi ricevono il premio Lombardia Lavoro 2009

Il trapianto di trachea, realizzato grazie al bioreattore di Sara Mantero e Adelaide Asnaghi (ve ne abbiamo parlato qui) è esposto allo Science Museum of London.

Nei giorni in cui la classifica internazionale QS 2010 incorona il Politecnico come l’eccellenza italiana in campo scientifico (295 posto), festeggiamo con voi un successo del Dipartimento.

Ecco un breve video che presenta l’esposizione (la nostra trachea è al 2.02-2.04 minuto)

Il primo trapianto di trachea senza rigetto è un successo anche Politecnico

Nella notizia riportata con grande enfasi su tutta la stampa nazionale e internazionale del primo trapianto di trachea senza rigetto, pubblicata sulla prestigiosa rivista The Lancet Clinical transplantation of a tissue-engineered airway (The Lancet, Early Online Publication, 19 November 2008 doi:10.1016/S0140-6736(08)61598-6) c’è una firma tutta Politecnica.

A occuparsi dell’ingegnerizzazione del tessuto trapiantato sono state infatti la prof. Sara Mantero e l’ing Adelaide Asnaghi rispettivamente ricercatrice e dottoranda presso il nostro Dipartimento.

A loro e a tutta l’euqipe che ha collaborato per rendere possibile questo successo della medicina vanno i nostri più vivi complimenti.

La rassegna stampa nazionale è visibile qui http://www.rassegnastampa.polimi.it/081120/index.htm

Stampa internazionale (rassegna non esaustiva): CNN, Reuters, The Guardian, The Times, El Pais, Washington Post,

Corso risorse elettroniche 5.ed esercitazioni prima giornata

I matematici critici riguardo agli indicatori bibliometrici

In un recente Report intitolato Citation Statistics: A report from the International Mathematical Union (IMU) in cooperation with the International Council of Industrial and Applied Mathematics (ICIAM) and the Institute of Mathematical Statistics (IMS) (pdf) 3 associazioni di matematici esprimono la propria posizione critica nei confronti degli indicatori bibliometrici, non solo nei riguardi del già criticato Impact Factor, ma anche riguardo a indicatori quali h-index che hanno assunto un peso eccessivo nelle valutazione delle performance di ricerca.
Per approfondire: il nostro seminario Web of Science per la valutazione della ricerca 1 luglio 2008 (iscrizioni qui)

[Fonte: Wired Campus]

I costi di una rivista scientifica

La biblioteca non ha tutte le riviste che servono ai suoi ricercatori e spesso non riesce a comprarne di nuove perchè gli abbonamenti hanno raggiunto dei prezzi davvero alti. Abbiamo detto spesso che una via di uscita potrebbe essere quella di orientarsi verso riviste open access, gratuite per l’utente finale e i cui costi di pubblicazione sono sostenuti dall’autore stesso. Di fronte a richieste di 1500-3000$ per la pubblicazione di un articolo molti però rimangono perplessi.

Quali fattori concorrono a creare questo costo? Sono giustificati o qualcuno “ci fa la cresta?”

L’articolo appena pubblicato Scholarly Publishing Re-invented: Real Costs and Real Freedoms
Julian H. FisherAnn Arbor, MI: Scholarly Publishing Office, University of Michigan, University Library
vol. 11, no. 2, Spring 2008 (URL: http://hdl.handle.net/2027/spo.3336451.0011.204) fa un’analisi di questo problema dettagliando tutti i costi che concorrono a formare il prezzo finale di un articolo e una rivista

Lettura integrale consigliata, di seguito alcuni interessanti stralci: Continua a leggere

Novità @lla tua biblioteca 3 (1) 2008

newsletter.gif

Pubblicato l’ultimo numero del notiziario autoprodotto Novità @lla tua biblioteca.

Il Notiziario si scarica direttamente dal blog (nel Box di condivisione file)

Copie cartacee sono disponibili in biblioteca.

Special issue: Rapporto di biblioteca 2007